© 2018 by Ventodellaseta

  • b-facebook
  • Instagram Black Round
  • Black Icon YouTube

Cos'è Ombra?

Ombra…

anche quando non si vede, Lei c’è. Ascolta quello che ascolto. Guarda da terra quel che io vedo dall’alto. Non potrà gustare gli odori che percepirà il mio naso, ma, per il resto, vedrà il mondo che lentamente cambia giorno per giorno nel nostro percorso da Venezia alla nostra meta Zhoukoudian (Cina).

Nel mio caso Ombra è un accompagnatore silenzioso e persistente, e, nel concreto, il luogo nel quale verranno impresse le mie impressioni e l’orma che rimarrà del mio passo: la mia coscienza virtuale, la mia finestra nel mondo liquido del web, il mio alter-ego cibernetico.

Ombra è

la potente tecnologia ci fornisce la grande opportunità di poter essere veramente connessi, perché è sempre con noi. Essa è il prolungamento di quello che noi siamo, esattamente come un’ombra. Nonostante sia evidente come essa possa portare ad un istupidimento vuoto e sterile, è sopratutto vero che essa racchiude in sé la chiave del progresso della nostra Storia. Il tutto dipende dall’uso che ne facciamo e da quanto questo sia in armonia con ciò che siamo.

 

Ma Ombra non si esaurisce nel sito www.ventodellaseta.org, Ombra è molto di più.

Gli strumenti attraverso cui Ombra si esprimerà (le pagine del sito) sono:

 

  • Video e foto (Canon 600D, Action camera Yi-4k) che cattureranno: momenti di viaggio (dove si dorme, dove si mangia, cosa ci si può cucinare su un fuoco, incontri, paesaggi); differenze culturali che cambiano di chilometro in chilometro; persone, animali, mercati, cibi, etc; con particolare attenzione antropologica agli usi e costumi delle diverse culture.

  • Con un microfono (Olympus VN-712PC) Ombra catturerà suoni della natura, lingue e tradizioni locali, etc.

  • Con il diario di viaggio (trasposizione delle pagine del mio diario di viaggio in post) Ombra racconterà le mie impressioni e le nostre avventure.

  • Tramite FacebookInstagram e Youtube vi farà camminare con noi. 

Se la consumistica logica post-moderna affida ogni differenza a modelli preconfezionati, omologando tutte le sfumature dell’umanità ad un'unica tonalità, ritengo, accordandomi alla Dichiarazione Universale dell’Unesco sulla Diversità Culturale, che questa diversità è, per il genere umano, “necessaria quanto la biodiversità per qualsiasi forma di vita. In tal senso, essa costituisce il patrimonio comune dell'Umanità e deve essere riconosciuta e affermata” per cui è fondamentale ribadire come il valore e l'unicità degli esseri umani accrescano proprio in quelle differenze che ci rendono tutti ugualmente umani sia tra i popoli lontani, che nelle singole individualità più vicine.

E per la preservazione dell’anima delle culture e del senso di humanitas* raccoglierò materiale audiovisivo amatoriale di tutto quello che mi aspetta per produrre a fine viaggio un documentario atto a:

  1. – diffondere contenuti volti all’informazione responsabile e promuovere la scoperta delle altre culture in prima persona.

  2. – favorire processi cooperativi tra individui e culture con la scoperta delle nostre differenze culturali per la custodia delle tradizioni popolari e della vita quotidiana di coloro che via via incontrerò

*L'humanitas è un valore etico affermatosi con il circolo degli Scipioni, attraverso il quale assume il significato particolare di “rispetto dell’uomo in quanto tale”: homo sum, humani nihil a me alienum puto (lat. «sono uomo, niente di ciò ch’è umano ritengo estraneo a me»).