© 2018 by Ventodellaseta

  • b-facebook
  • Instagram Black Round
  • Black Icon YouTube
  • Vento della Seta

Bologna - "No one told you when to run, you missed the starting gun"

Aggiornato il: 16 set 2018


28.03.2018

Bologna


Il tempo vola e fluisce velocemente. Sono passati una decina di giorni dacché sono partito da Napoli per questo tragitto e già il tempo pare dilatarsi.


Oggi ero seduto su un bus per andare ad intervistare il nuovo personaggio di questo viaggio-pre-viaggio. Ad un certo punto sono saliti degli studenti del liceo, 8 o 10 anni meno di me. Li guardavo e pensavo. Pensavo che avrei potuto essere io, seduto là, a ridere con quella risata adolescente che squarcia il silenzio. Potevo essere io che lanciavo uno sguardo timido alla compagna dietro di me che, distratta, non se ne accorgeva. Potevo essere io come loro. E poi pensavo che loro potranno essere me. Potranno essere me all'università, al lavoro. E potranno essere me a viaggiare, sognare, sperare.

Poco più avanti rispetto a loro, un vecchietto, lento in ogni gesto che lo avvicina alla fine della sua vita. Pensavo che quel vecchio potrò essere io... Ed ecco che in un attimo questo pensiero mi porta al me futuro, quel me che si rende conto che questi dieci giorni che mi distanziano dalla partenza da Napoli, in fondo, non sono né pochi né molti, tutto dipende dalla prospettiva. Forse saranno un niente nella prospettiva di quando sarò quel vecchietto là.

Un raggio di luce trasversale taglia in un'istante il vetro del bus e si rifrange prima sulla nuca del vecchio e poi sull'occhio di un ragazzo che lo chiude di sbieco. Il raggio continua la sua fulminea corsa finendo sulla mia mano.... siamo tutti collegati. Lo spazio. Il tempo. Un giovane. un vecchio. Un bus...


Questa velocità si ferma nell'istante in cui incontro il nuovo protagonista di questo viaggio. Un frate singolare, lento e prolisso, lucido e... lento. Fra Tarcisio, un frate che, alla ricerca delle origini della propria fede, è partito verso terre che crediamo culturalmente distanti, ma che sono in realtà vicine, intrinsecamente simili, proprio in quelle "differenze".

Un uomo rustico, nato nelle campagne della provincia di Pordenone. Fra Tarcisio viaggiò nella sua gioventù domenicana fino alle terre di Gerusalemme, passando con un gruppo di frati per i Balcani e poi attraversando da solo Siria e Palestina. Quando i suoi confratelli si fermarono e lo videro continuare, gli diedero del pazzo. E forse lo era, e proprio per questo motivo lo ritengo degno di essere un "realista, alla ricerca dell'impossibile".

Tra le scoperte che più lo hanno sorpreso nel corso del suo viaggio vi è il fatto che la tradizione biblica tanto declamata dalla cultura italiana, trovi, a suo avviso, una più profonda testimonianza nelle realtà rurali del Medio Oriente piuttosto che negli ambienti delle Chiese occidentali.


Fra Tarcisio

12 visualizzazioni